Indietro
pianeta20

Pianeta20

Un Pianeta20 è un pianeta che nel 2020 sarà più green, più respirabile, più happy.
Per far sì che ciò succeda, qui alla illy cerchiamo di rendere più sostenibile ogni fase della produzione della nostra famosa tazzina di caffè.

E lo facciamo seguendo i 4 comportamenti essenziali:
- Rispettare l’ambiente e le persone

- Non inquinare

- Non sprecare energie preziose

- Usare il più possibile risorse rinnovabili.
 

pianeta20

Una sostenibilità che ci migliora

La nostra sostenibilità ha anche un risvolto economico e sociale.
Nei Paesi produttori di caffè, quasi tutti distribuiti nel sud del mondo, insegniamo agli agricoltori le tecniche per produrre materia prima di qualità superiore.
In cambio ci impegniamo in un rapporto continuativo di fornitura che favorisce lo sviluppo delle economie locali.
La sostenibilità migliora noi e le persone che lavorano con noi.
Ci piace costruire relazioni basate sulla trasparenza e valorizzare i nostri collaboratori.
Sia che vivano nell’angolo più remoto del mondo sia che siano seduti nell’ufficio accanto al nostro.

impegno

Un impegno da condividere

Per fare le cose come si deve, collaboriamo con istituzioni che ci aiutano a mettere a punto le strategie più efficaci.
Insieme al Centro per l’ambiente dell’Università di Oxford, abbiamo studiato le coltivazioni che risultavano più sostenibili per area geografica.
Abbiamo promosso un protocollo di intesa con l’Agenzia brasiliana per la Ricerca Agrozootecnica per la sostenibilità della caffeicoltura e, qui in Italia, abbiamo siglato un accordo col Ministero dell’Ambiente per analizzare come ridurre e un giorno neutralizzare l’impatto sul clima non solo di illycaffè ma di tutto il settore.
Ci piacerebbe mettere a punto un sistema da condividere con tutte le industrie produttrici di caffè perché più aziende virtuose saremo, più facilmente il pianeta tornerà felice.

 

UN IMPEGNO CERTIFICATO



Il nostro impegno per tutelare l’ambiente è stato ampiamente riconosciuto.
Dal 2003 la nostra azienda è certificata ISO 14001 e ha aderito al sistema comunitario di ecogestione e audit EMAS.

illy kiss macchina iperespresso

La sostenibilità parte da lontano

La sostenibilità, per essere completa, deve abbracciare tutte le fasi della produzione del nostro caffè.
È importante partire dalle piantagioni e là lavorare a fianco dei coltivatori per rendere la caffeicoltura sempre più sostenibile.
In Brasile abbiamo partecipato ad uno studio sul calcolo delle emissioni di gas serra associate alla produzione di caffè.
Questa indagine ci ha aiutato ad individuare delle aree di inefficienza energetica nella lavorazione del caffè verde in piantagione.

sostenibilita-trieste

La sostenibilità passa per Trieste

Dal 1° gennaio 2013 tutta l’energia elettrica che acquistiamo da Edison Energia Spa proviene da fonti rinnovabili.
Dal 2012 abbiamo messo a punto un nuovo impianto che recupera il calore dai camini della tosteria e lo riutilizza per riscaldare d’inverno e rinfrescare d’estate l’intera area di produzione e gli uffici.
Inoltre, grazie a una camera di depurazione, le emissioni in atmosfera di polveri di caffè dell’impianto crudi/tosteria, è ora inferiore rispetto al limite richiesto dalla normativa vigente.
Entro il 2020 pensiamo di riuscire a ridurre addirittura di un quinto i nostri consumi TEP/anno.

 

illy kiss macchina iperespresso

IL TEP

Il TEP è un sistema di valutazione del consumo di energie non rinnovabili; per dare un esempio un italiano consuma circa 3,6 TEP all’anno, un americano 7,6 mentre in Etiopia se ne consumano 0,8, simile al consumo medio del nostro bisnonno all’inizio del novecento.

sostenibilita-casa

La sostenibilità a casa tua

Da anni lavoriamo anche alla riduzione dell’impronta di carbonio delle confezioni che entrano lì, nella tua casa.
Le capsule Iperespresso sono ora distribuite in un nuovo imballaggio pensato per essere più sostenibile poiché leggero e può essere depositato nella raccolta differenziata della plastica.
Soft Can è una nuova confezione morbida di caffè macinato per moka in poliaccoppiato.
Conferendola nella raccolta differenziata della plastica, anche tu puoi aiutarci a ridurre ulteriormente le emissioni di CO2.
Scopri qui come conferire correttamente la confezione nei capoluoghi di provincia italiani.
Il nostro percorso verso l’ambiziosa “zero impronta di carbonio” prosegue.



illy kiss macchina iperespresso

Impronta di carbonio

In inglese si dice carbon footprint e in Italia la chiamiamo “impronta di carbonio”.
Corrisponde alla quantità totale di “gas serra” prodotta durante un’attività umana.
La carbon footprint di una persona è la somma di tutte le emissioni di anidride carbonica derivate dalle sue attività in 1 anno ed è comunemente espressa in tonnellate di anidride carbonica.
Ognuno di noi emette in media 4,2 tonnellate di CO2 l’anno e svariati chili ogni giorno.

SCOPRI DI PIÙ

TORNA SU

CHIUDI IL VIDEO