Caffettiera Napoletana

Caffettiera Napoletana

Come preparare la "cuccumella"

La mitica caffettiera napoletana

Originaria del Sud Italia, la tazzina “alla napoletana” negli ultimi anni è tornata molto di moda, varcando anche i confini nazionali. Sempre più locali, infatti, la offrono ai loro clienti come alternativa dallo stile più casalingo e tradizionale al classico espresso.
Proporla nella vostra caffetteria – bar, pasticceria, gelateria, ristorante o hotel – è un’idea originale che vi contraddistinguerà rispetto alla concorrenza e darà un gusto in più alla vostra offerta.
Qui vi sveliamo qualche segreto sul caffè preparato con la caffettiera napoletana e vi spieghiamo come realizzarlo e servirlo al meglio.

Negli ultimi tempi tante caffetterie hanno cominciato a deliziare i loro clienti offrendo una più ampia gamma di preparazioni: alcune nuovissime, importate dai paesi anglosassoni e nord europei, altre, più antiche e vicine alle nostre tradizioni, come la napoletana.
Questa bevanda fa parte dell’immaginario di un’Italia ormai passata, ma sempre suggestiva e ricca di fascino… Soprattutto per gli stranieri in viaggio nel bel paese!

Ecco qualche cenno storico che potete raccontare ai vostri clienti per incuriosirli:
La caffettiera napoletana è un’evoluzione della macchina a capovolgere francese, ideata in Francia agli inizi dell’800. Come la sua famosa antenata, a un certo punto della preparazione è necessario capovolgerla.
La cuccumella – così viene chiamata a Napoli – venne almeno in parte soppiantata in Italia dalla moka, inventata da Alfonso Bialetti nel 1933.


Come si prepara:
 

  • Versare l’acqua nella caldaia, fino a circa mezzo centimetro sotto il foro.
  • Riempire il filtro con la polvere di caffè, senza esercitare pressione.
  • Avvitare le due parti della macchina.
  • Mettere la napoletana sul fuoco, con il “becco” verso il basso e i due manici allineati.
  • Quando un filo di vapore esce dal forellino, l’acqua ha raggiunto l’ebollizione: togliere la macchina dal fuoco.
  • Capovolgere la macchina con un gesto rapido; dopo un paio di minuti, si può servire il caffè.
     

Quali caratteristiche ha il caffè preparato con la napoletana?
 

Questa bevanda preparata con caffè illy con tostatura media è corposa e piacevolmente amara e ha un’intensità aromatica elevata.
 

Alcune leggende da sfatare…
 

La caffettiera napoletana non va lavata! Voi cucinereste in una pentola sporca?
La caffettiera napoletana – come ogni altro utensile da cucina – va pulito dopo ogni utilizzo. Utilizzate un detergente naturale, sciacquate con cura e poi asciugate la “cuccumella” prima di riporla, pronta per essere nuovamente usata.
Il segreto è fare un buco in mezzo alla polvere di caffè nel filtro. Niente di più sbagliato!
Un foro nel pannello di caffè serve solo a far passare l’acqua più liberamente, e quindi a produrre una bevanda meno aromatica e corposa. Compattate delicatamente la polvere nel filtro in modo uniforme, senza esercitare nessuna pressione.
 

LA SCELTA DEL CAFFÈ PER LA CAFFETTIERA NAPOLETANA.

COME SI DIMEZZA LA CAFFEINA RADDOPPIANDO IL PIACERE?

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI SUI SERVIZI E L'OFFERTA ILLY?

Compila il form e verrai contattato entro 24 ore dal team illy dedicato ai professionisti.

CONTATTACI
Telefono Telefono Hover 800 821 021 Contact Contact Hover CONTATTACI